14 A 2. HERODOT. IV 95.
Ho però sentito raccontare dai Greci che abitano il Ponto e l'Ellesponto che questo Zalmossi era un uomo, e servo, a Samo, di Pitagora di Mnesarco. Di lì, raccontano, tornò nella sua patria, dopo avere, divenuto libero, acquistato grandi ricchezze. Ivi questo Zalmossi, ch'era esperto del modo di vivere degli Ioni e aveva modi più civili degli altri Traci, uomini poveri e incolti, come quello che era vissuto coi Greci e anzi con uno degli uomini più sapienti della Grecia, Pitagora, cominciò ad invitare a banchetto, in un appartamento che s'era fatto costruire, i primi cittadini, e ad insegnare loro che né lui né i suoi convitati né quanti sarebbero nati da loro sarebbero morti, ma sarebbero pervenuti in un luogo, ove avrebbero continuato a vivere eternamente godendo d'ogni bene.1* Raccontano poi che, mentre così diceva e faceva, si fabbricava una casa sotterranea, nella quale, come fu pronta, discese scomparendo di tra i Traci, e visse tre anni: e i Traci lo piangevano come morto e ne sentivano rimpianto. Dopo i tre anni riapparve, e così rese credibili le cose che aveva detto. Questo raccontano ch'egli fece.2* Quanto a me, io né discredo né credo troppo al racconto e alla casa sotterranea; ma giudico che Zalmossi sia vissuto molti anni prima di Pitagora.
14 A 2. HEROD. IV 95 ὡς δὲ ἐγὼ πυνθάνομαι τῶν τὸν Ἑλλήσποντον οἰκεόντων Ἑλλήνων [I 97. 5] καὶ Πόντον, τὸν Σάλμοξιν τοῦτον ἐόντα ἄνθρωπον δουλεῦσαι ἐν Σάμωι, δουλεῦσαι δὲ Πυθαγόρηι τῶι Μνησάρχου. ἐνθεῦτεν δὲ αὐτὸν γενόμενον ἐλεύθερον χρήματα κτήσασθαι συχνά, κτησάμενον δὲ ἀπελθεῖν ἐς τὴν ἑωυτοῦ. ἅτε δὲ κακοβίων τε ἐόντων τῶν Θρηίκων καὶ ὑπαφρονεστέρων, τὸν Σάλμοξιν τοῦτον ἐπιστάμενον δίαιτάν τε Ἰάδα καὶ ἤθεα βαθύτερα ἢ κατὰ Θρήικας, οἷα Ἕλλησί τε ὁμιλήσαντα [I 97. 10 App.] καὶ Ἑλλήνων οὐ τῶι ἀσθενεστάτωι σοφιστῆι Πυθαγόρηι, κατασκευάσασθαι ἀνδρεῶνα, ἐς τὸν πανδοκεύοντα τῶν ἀστῶν τοῦς πρώτους καὶ εὐωχέοντα ἀναδιδάσκειν, ὡς οὔτε αὐτὸς οὔτε οἱ συμπόται αὐτοῦ οὔτε οἱ ἐκ τούτων αἰεὶ γινόμενοι ἀποθανέονται, ἀλλ' ἥξουσι ἐς χῶρον τοῦτον, ἵνα αἰεὶ περιεόντες ἕξουσι [τὰ] πάντα ἀγαθά. ἐν ὧι δὲ ἐποίει τὰ καταλεχθέντα καὶ ἔλεγε ταῦτα, ἐν τούτωι κατάγεον [I 97. 15 App.] οἴκημα ἐποιεῖτο. ὡς δὲ οἱ παντελέως εἶχε τὸ οἴκημα, ἐκ μὲν τῶν Θρηίκων ἠφανίσθη, καταβὰς δὲ κάτω ἐς τὸ κατάγεον οἴκημα διαιτᾶτο ἐπ' ἔτεα τρία˙ οἱ δέ μιν ἐπόθεόν τε καὶ ἐπένθεον ὡς τεθνεῶτα. τετάρτωι δὲ ἔτει ἐφάνη τοῖσι Θρήιξι καὶ οὕτω πιθανά σφι ἐγένετο, τὰ ἔλεγε ὁ Σάλμοξις. ταῦτά φασί μιν ποιῆσαι. ἐγὼ δὲ περὶ μὲν τούτου καὶ τοῦ καταγέου οἰκήματος οὔτε ἀπιστέω οὔτ' ὦν πιστεύω [I 97. 20 App.] τι λίην, δοκέω δὲ πολλοῖσι ἔτεσι πρότερον τὸν Σάλμοξιν τοῦτον γενέσθαι Πυθαγόρεω.